:/1zqjpg;9">
banner-venezianativa

Da visitare

 Home > Da visitare > Dettaglio

La chiesa Santa Fosca e il battistero di San Giovanni Evangelista

La Chiesa di Santa Fosca

Un bel porticato esterno collega la Cattedrale alla Chiesa di Santa Fosca e alle rovine del Battistero di San Giovanni Evangelista. 

La chiesa di Santa Fosca, un notevole esempio dello stile veneto-bizantino, fu costruita intorno al 1100 in risposta all'affermazione a Torcello (a partire dal X secolo) del culto delle Sante Fosca e Maura si affermò a Torcello. 

L'insolita forma circolare della chiesa ricorda le architetture degli antichi templi pagani. L'interno presenta un insolito raccordo tra la pianta quadrangolare della base e la pianta circolare della cupola che rimanda ai riferimenti delle architetture bizantine di Ravenna. 
L'ambiente interno è volutamente caratterizzato da giochi di luci e ombre per rafforzare il legame con la Santa a cui è dedicata la chiesa (Fosca nel senso di oscura). L'insieme delle finestre sono strutturate in modo strategico per indirizzare la luce in punti precisi e lasciando un generale senso di scuro nelle altre parti. 
 

Il Battistero di San Giovanni Evangelista

Le rovine del Battistero, un edificio presumibilmente coevo alla Cattedrale, favoriscono immagini di grande suggestione. 
Nella sua forma originale, a pianta circolare con otto colonne, il Battistero era stato strutturato per la cerimonia del battesimo per immersione. L'ingresso al manufatto era posto di fronte alla porta principale della Cattedrale consentendo al battezzato di entrare direttamente in chiesa attraversando unicamente il corridoio coperto che unisce le tre strutture religiose. 
Nel 1700, l'originale battistero romanico-bizantino venne demolito, per essere successivamente ricostruito.